Contratto Scuola e permessi lavorativi

Il recente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il comparto scuola, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 14 agosto scorso (Suppl. Ord. alla G.U. n. 188) ha precisato due importanti aspetti relativi ai permessi lavorativi per i dipendenti con handicap grave e per quelli che assistono familiari con handicap grave ai sensi dell'articolo 33 della legge 104/1992.

Una premessa: i permessi lavorativi, di norma, inciderebbero negativamente sulla costruzione delle ferie e della tredicesima mensilità, a meno che i singoli contratti collettivi non prevedano trattamenti più di favore.

Per gli assicurati INPS è ancora vigente la circolare 2 aprile 1992, n. 100 che prevede che i permessi ex art. 33 non siano utili ai fini della maturazione della ferie e della tredicesima mensilità.

Per gli assicurati INPDAP è vigente la circolare 10 luglio 2000, n. 34 che invece prevede che i permessi in questione non incidano sulla maturazione delle ferie, ma nulla prevede relativamente alla tredicesima mensilità.

Il Contratto Scuola, all'articolo 15 comma 6, conferma che i permessi ex articolo 33, non incidono sulle ferie.

Il successivo articolo 78, al comma 5, prevede l'esclusione dei ratei della tredicesima mensilità solo per i periodo in cui vi sia sospensione o privazione della retribuzione. Essendo i permessi lavorativi, per legge, retribuiti e coperti da contributi figurativi, non incidono per i dipendenti della scuola, nemmeno sulla tredicesima mensilità.

2 settembre 2003

Carlo Giacobini
Responsabile del Centro per la documentazione legislativa
Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare
Direzione Nazionale

 

Condicio - Dati e cifre sulla condizione delle persone con disabilità

In Progress

HandyLex Calabria
in collaborazione con FISH Calabria
HandyLex Sicilia
in collaborazione con Coordinamento H
HandyLex Sardegna
in collaborazione con ABC Sardegna
HandyLex Lombardia
in collaborazione con Ledha

FOCUS

2009 - 2017   HandyLex.org - Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata senza preventiva autorizzazione