Due ore di permesso lavorativo entro i primi tre anni di vita: estensione al padre

Domanda
Mio figlio è nato due anni fa è stato riconosciuto invalido totale e persona con handicap grave. Moglie è in astensione facoltativa (3 anni) retribuita al 30% con scadenza nel luglio prossimo. A gennaio di quest'anno viene licenziata dal datore di lavoro (causa oggettiva: l'azienda viene chiusa).
Essendo mia moglie ora disoccupata ho diritto io ad usufruire di 2 ore di permesso giornaliero per l'assistenza di mio figlio? Queste ore di permesso sono completamente retribuite? Avrò diritto ai tre giorni di permesso retribuito dopo i tre anni di età del bambino?

Risposta
Non si specifica nel quesito se il lavoratore è dipendente pubblico o privato. In ambedue i casi comunque può fruire dei permessi lavorativi retribuiti (due ore fino al compimento del terzo anno, tre giorni dopo il compimento del terzo anno di vita) anche se la moglie non lavora. Questo è specificato sia dalla circolare 133/2000 INPS (dipendenti privati) che dalle circolari 34/2000 e 35/2000 dell'INPDAP (dipendenti pubblici).
Dopo il compimento del terzo hanno di età, il lavoratore ha diritto ai tre giorni di permesso mensile. I permessi sono retribuiti e coperti da contributi figurativi

Approfondimenti: I permessi lavorativi: la retribuibilità

 

Il trasporto aereo e le persone con disabilitā - Formazione obbligatoria operatori aeroportuali - Corsi di base ed aggiornamento su indicazioni ENAC - E.Net - FISH
2009 - 2019   HandyLex.org - Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata senza preventiva autorizzazione