Riparazione e sostituzione del caricabatterie per carrozzina

Domanda
Sono una tetraplegica e utilizzo una carrozzina elettrica fornita dalla mia ASL. Recentemente il caricabatteria si è guastato, ma la ASL si è rifiutata di sostituirmelo. Tra molte difficoltà sono riuscita a trovare un nuovo caricabatteria ma ho dovuto pagarlo di tasca mia. Questa prassi è corretta?

Risposta
Il riferimento legislativo è il Decreto Ministero della Sanità 27 agosto 1999, n. 332. La norma prevede che entrambe le carrozzine elettriche erogabili a carico del Servizio Sanitario Nazionale vengano fornite complete di caricabatteria. Il caricabatteria è quindi una parte integrante del prodotto che deve essere riparato o sostituito nel caso non sia funzionante.
Il decreto citato infatti prevede "l'obbligo dell'azienda cedente di garantire la perfetta funzionalità e sicurezza del dispositivo."
A questo si aggiunga la particolarità della carrozzina elettrica, per definizione fornita a soggetti non deambulanti. A questo proposito il Legislatore ha previsto che per i "soggetti con gravi difficoltà di deambulazione (...) l'azienda Usl è tenuta ad assicurare la tempestiva sostituzione dei dispositivi divenuti temporaneamente non utilizzabili". Senza dubbio quindi la ASL deve fornire il caricabatterie nel caso questo non sia funzionante.

 

Il trasporto aereo e le persone con disabilitŗ - Formazione obbligatoria operatori aeroportuali - Corsi di base ed aggiornamento su indicazioni ENAC - E.Net - FISH

FOCUS

In Progress

HandyLex Calabria
in collaborazione con FISH Calabria
HandyLex Sicilia
in collaborazione con Coordinamento H
HandyLex Sardegna
in collaborazione con ABC Sardegna
HandyLex Lombardia
in collaborazione con Ledha
2009 - 2020   HandyLex.org - Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata senza preventiva autorizzazione