Marche: contributi per l'eliminazione delle barriere, per i veicoli, per i sussidi tecnologici

Aventi diritto
Hanno diritto ai contributi le persone in possesso della certificazione di handicap (art. 3 della Legge 104/1992) rilasciata dalla competente Commissione ASL. Nel caso in cui la persona interessata non avesse ancora ottenuto tale riconoscimento può comunque essere inserita nel piano degli interventi dietro presentazione della copia di richiesta di accertamento dell'handicap inoltrata all'ASL competente.
Una volta in possesso dell'attestazione di handicap l'interessato deve inviarne copia all'ente locale per il perfezionamento della pratica pena l'esclusione dal finanziamento. Solo in casi particolari, qualora si tratti di minori la cui situazione di handicap non sia stata ancora definita, l'ente locale può prescindere da tale attestazione.

Per che cosa
La Regione Marche non ha una propria legge che finanzi interventi di adattamento negli edifici privati. Sono invece previsti contributi ai privati per l'acquisto e l'installazione di automatismi di guida nell'auto di proprietà guidata dal disabile e per l'acquisto e l'installazione di ausili per il trasporto da montare su un'autovettura normale guidata da terzi (es. elevatore, sedile girevole, cinghie regolabili speciali, maniglie adattate ecc.).
È finanziato inoltre l'acquisto di idonei mezzi attrezzati, che non siano normali autovetture, ma un veicolo furgonato provvisto di elevatore che consenta il trasporto del disabile motorio gravissimo che, a causa della sua patologia, non può essere trasportato all'interno dell'abitacolo di un'autovettura normale. Questa condizione deve essere accertata da un medico specialista della ASL o di un centro privato autorizzato.

Sono inoltre previsti contributi per l'acquisto di computer adattati (hardware) nonché di altri ausili tecnici (esclusi i programmi didattici) che consentano al disabile sensoriale o con problemi di comunicazione una migliore integrazione sociale. I benefici della Legge regionale n. 18/96 non sono cumulabili con quelli previsti allo stesso titolo da altre norme regionali e nazionali. La domanda va rivolta al Comune di residenza corredata dalla documentazione richiesta. I Comuni, in forma singola o associata, e le Comunità montane inseriscono le richieste all'interno di un piano di interventi complessivo.

Contributi previsti
Per l'acquisto e l'installazione di automatismi di guida nell'auto di proprietà guidata dal disabile e per l'acquisto degli adattamenti al trasporto non è fissato alcun limite di spesa. Il limite è invece di 3.000.000 di lire nel caso in cui l'adattamento alla guida consista nel solo cambio automatico.
Per l'acquisto mezzi di trasporto privati attrezzati con elevatore e altri ausili destinati a disabili gravissimi: il limite massimo convenzionale di costo onnicomprensivo ammissibile di lire 55.000.000.

Normativa di riferimento
Legge Regionale - Regione Marche - 4 giugno 1996, n. 18
"Promozione e coordinamento delle politiche di intervento in favore delle persone in situazione di handicap." (BU 13 giugno 1996, n. 39)
Legge Regionale - Regione Marche - 21 novembre 2000, n. 28
"Modifiche ed integrazioni alla Legge regionale 4 giugno 1996, n. 18 "Promozione e coordinamento delle politiche di intervento in favore delle persone handicappate."
Deliberazione della Giunta Regionale - 28 dicembre 2000 n. 2888
"Legge regionale n. 18/96, modificata ed integrata con legge regionale n. 28/2000 - definizione dei criteri e delle modalità di attuazione degli interventi per l'anno 2001 - modalità di impiego delle risorse e tetti di spesa."

(a cura di Nadia Zamai, per gentile concessione della rivista "Mobilità")

 

Il trasporto aereo e le persone con disabilitā - Formazione obbligatoria operatori aeroportuali - Corsi di base ed aggiornamento su indicazioni ENAC - E.Net - FISH
2009 - 2019   HandyLex.org - Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata senza preventiva autorizzazione