Ausili, ortesi e protesi: la simultaneità delle prescrizioni

Il concetto "simulaneità" della prescrizione è un termine utilizzato dal Decreto del Ministero della Sanità 27 agosto 1999, n. 332, a proposito degli "ausili per la mobilità e la posizione seduta", cioè di quella che nel precedente Nomenclatore veniva definita "Famiglia 22 - Ausili per destabilizzazione, postura e deambulazione". Questo gruppo di ausili comprende le carrozzine su misura, gli stabilizzatori, tricicli, seggioloni ecc.

Nella premessa a questo capitolo il Legislatore ha voluto precisare che:

"Ciascun ausilio, particolarmente se allestito con dispositivi aggiuntivi e complementari, ha una funzione ben definita e diversa da altro similare o non, e quindi è ammessa la prescrizione, anche simultanea di ausili a condizione che abbiano finalità riabilitativa o di recupero differenziata.".

Si tratta di un'indicazione molto importante perché permette di prescrivere, salvo che non siano precisate incompatibilità, anche tipi diversi di carrozzine (es. elettriche e manuali) ed a patto che vi sia un programma riabilitativo ben motivato.

Carlo Giacobini
Responsabile Centro per la documentazione legislativa
Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare
Direzione Nazionale

 

Violenza e abusi sulle donne con disabilità - Fai conoscere il fenomeno - Partecipa all’indagine - VERA - Violence Emergence, Recognition and Awareness
2009 - 2017   HandyLex.org - Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata senza preventiva autorizzazione