Messaggio INPS Direzione Centrale Pensioni Coordinamento Generale Medico Legale Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione, 19 aprile 2012, n. 6796

Programma di verifiche straordinarie da effettuare nell’anno 2012 nei confronti dei titolari di benefici di invalidità civile, sordità, cecità civile ed handicap.”

 

L’art. 20, comma 2, del decreto legge n. 78/2009, come modificato da ultimo dall’articolo 10, comma 4, del decreto legge n. 78/2010, convertito in Legge n. 30 luglio 2010, n. 122, dispone che “per il triennio 2010-2012 l’INPS effettua, con le risorse umane e finanziarie previste a legislazione vigente, in via aggiuntiva all'ordinaria attività di accertamento della permanenza dei requisiti sanitari e reddituali, un programma di 100.000 verifiche per l’anno 2010 e di 250.000 verifiche annue per ciascuno degli anni 2011 e 2012 nei confronti dei titolari di benefici economici di invalidità civile”. L’articolo 20 comma 2, della legge 102/2009 dispone inoltre che: “L’INPS accerta altresì la permanenza dei requisiti sanitari nei confronti dei titolari di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità”.

In conformità al dettato normativo, l’Istituto sta procedendo anche nell’anno in corso all’attuazione di un piano di verifiche, gestito dalla procedura informatica INVER secondo le modalità illustrate nella circolare n. 76 del 22 giugno 2010 e con modalità innovative nella individuazione del campione.

Il programma di verifiche straordinarie dell’anno 2012 comprenderà anche l’accertamento della permanenza dei requisiti di legge previsti dall’art.3, comma 3, della Legge n. 104/1992.

Per l’anno 2012 è stata prevista la gestione automatica, prima della scadenza, della convocazione a visita di tutti i titolari di prestazioni economiche di invalidità civile, cecità civile e sordità.

Nel confermare il procedimento descritto nell’allegato al messaggio n. 6763/2011 si ricorda che tutti verbali definitivi - a cura delle UOC/UOS territoriali – andranno comunicati tempestivamente e con modalità manuali alle ASL competenti per consentire le opportune valutazioni in ordine alla attuazione delle procedure di revisione.

Qualora non risultino applicabili le previsioni del DM 2 agosto 2007 un accertamento sugli atti potrà essere effettuato solo in casi eccezionali, motivati da esigenze terapeutiche tali da rendere oggettivamente impossibile un accesso domiciliare, previa autorizzazione da richiedere attraverso la casella di posta elettronica della CMS.

Poiché in tale contesto saranno coinvolti nelle operazioni di verifica straordinaria i soggetti la cui revisione sanitaria è prevista per l’anno in corso, occorrerà anticipare la visita rispetto alla scadenza fissata. Al fine quindi di consentire, in tempo utile gli adempimenti necessari del complesso iter (acquisizione del fascicolo dalle ASL, avviso all’assicurato, calendarizzazione ecc.), dal piano di verifica straordinaria resteranno escluse le visite di revisione rilevate in procedura con scadenza inferiore a due mesi, che continueranno a essere gestite con le modalità ordinarie per mezzo della procedura INVCIV2010.

 

Il Direttore Generale

Nori

Violenza e abusi sulle donne con disabilità - Fai conoscere il fenomeno - Partecipa all’indagine - VERA - Violence Emergence, Recognition and Awareness
2009 - 2017   HandyLex.org - Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata senza preventiva autorizzazione