Decreto 7 settembre 1996 - Ministero del Tesoro

"Modalità di presentazione dell'autocertificazione da parte dei minorati civili titolari di pensioni, assegni ed indennità."

(Pubblicato in G.U. n. 221 del 20 settembre 1996)


Il Ministro del Tesoro

Visto il decreto legge 20 giugno 1996, n.323, recante (Disposizioni urgenti per il risanamento della finanza pubblica), convertito, con modificazioni nella legge 8 agosto 1996, n. 425;

Visto, in particolare l'art.4, comma 1, il quale prevede che, entro il 30 novembre 1996, i minorati civili titolari di pensioni, assegni ed indennità, sono obbligati a presentare una autocertificazione, ai sensi dell'art.2 della legge 4 gennaio 1968, n.15, che ne attesti le condizioni di salute, con particolare riferimento alle infermità che hanno dato luogo al riconoscimento del beneficio economico di invalidità civile e che tale autocertificazione dovrà essere effettuata con apposito modello determinato dal Ministro del tesoro con proprio decreto, da emanare entro il 30 settembre 1996;

Ritenuto di dovere provvedere in merito;

Decreta:

1) L'autocertificazione prevista dall'art.4, comma 1, del decreto legge 20 giugno 1996, n.323, convertito, con modificazioni, nella legge 8 agosto 1996, n.425, dovrà essere presentata, secondo il modello di cui all'allegato A, alla Direzione generale dei servizi vari e delle pensioni di guerra per il tramite delle direzioni provinciali del Tesoro nel cui ambito territoriale gli invalidi risiedono. Tale autocertificazione dovrà essere spedita a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, oppure consegnata a mano, alle citate direzioni provinciali del Tesoro i cui indirizzi sono riportati nell'allegato B.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 7 settembre 1996

Il Ministro: Ciampi

(si omettono gli allegati)


JobLab - Il collocamento lavorativo delle persone con disabilità - Corso FAD gratuito - 3 crediti per assistenti sociali
2009 - 2020   HandyLex.org - Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata senza preventiva autorizzazione